domenica 16 ottobre 2016

4 tips per le immagini del tuo blog

The content is the king. E chi se lo scorda! 

E in effetti resta la raccomandazione più valida per chi produce contenuti sul web.

Registrato questo assioma, passiamo ai relativi corollari. Il primo dei quali è:



  • Avere cura dei contenuti visuali

Le immagini sono la parte più importante, dopo il contenuto, anzi qualche volta il rapporto può essere anche invertito.
Una bella immagine attira l'attenzione, invoglia alla condivisione e stimola l'engagement.

A questo punto c'è il primo ostacolo da superare:

#1 Il reperimento delle immagini


A meno che non vogliate investire, sottoscrivendo un abbonamento ai portali che vendono immagini, tipo Fotolia o Istockphoto, ci si imbatte nella difficoltà di trovare immagini libere da vincoli di copyright.

Questo è un punto che spesso viene trascurato. La maggior parte dei blogger sceglia la cosiddetta via breve: andare su Google immagini e scaricare foto senza andare troppo per il sottile. I più illuminati, inseriscono qualche frase sulla proprietà intellettuale.

Perchè rischiare?

Esiste la possibilità di reperire immagini, anche in alta definizione, libere da ogni vincolo.

Dove? e qui arriviamo al secondo suggerimento.

Immagine tratta da New Old Stock


# 2  Immagini free


Una serie di immagini, retrò, per la maggior parte in bianco e nero. Di sicuro effetto vintage

Qui troverete immagini divertenti e curiose. Genere funny tanto per intenderci.

Come si comprende bene si tratta di foto di pubblico dominio. Vasta la scelta di foto che si incentrano soprattutto sui paesaggi, elementi naturali e architettonici.

Tin Eye è invece un motore di ricerca di immagini, molto efficace e che restituisce una grande quantità di risultati. Una particolarità che lo rende veramente utile è la ricerca per colore. Basta, cioè indicare il colore delle immagini da ricercare e il motore di ricerca restituisce tutte le foto con lo sfondo di quel colore. Da provare!

# 3 Immagini fai da te


Un tocco di originalità non guasta mai.
Uno degli obiettivi di chi scrive per il web è quello di essere empatico. I Social hanno insegnato che è importante non solo comunicare contenuti di valore e che possono avere utilità per il lettore, ma anche instaurare un solido rapporto.

La fredda comunicazione resta a sé stante, mentre un tono colloquiale, amichevole paga di più.

Questo obiettivo lo si può raggiungere anche con le immagini.

Fotografare ad esempio, degli schizzi sui quali avete riportato dei dati, una specie di infografica fai da te può essere una bella idea. Come pure, fotografare la vostra postazione di lavoro o qualche luogo che avete visitato.
Tutto contribuisce ad avvicinare, anche emotivamente chi scrive e chi legge dall'altra parte dello schermo.

# 4 Screenshot


Il classico cattura immagini dello schermo del vostro computer. Non ci si pensa, ma è la cosa più facile, la più economica e senza alcun diritto di terzi.

Uno Screenshot è la via migliore quando stiamo realizzando una guida o un ebook.

I più pigri possono usare tranquillamente il cattura schermo di default del vostro sistema operativo.

Chi volesse qualcosa di più evoluto può usare Lightshot un'estensione per Chrome che consente di aggiungere testo e riferimenti visuali,

Ora c'è bisogno di un caffè


Conclusioni


Le immagini sono importanti, anzi decisive. La cosa discende non solo dalle statistiche che snocciolano dati in cui si vede chiaramente come il numero di visualizzazioni cresce a dismisura laddove sono presenti immagini attrattive e di qualità, ma dal funzionamento del nostro cervello.

Gli studi  di Roger Sperry sul cervello umano hanno rivelato l'esistenza di due emisferi, quello di destra deputato alla creatività, ai sogni, alle emozioni, alla spiritualità e quello sinistro centro della logica, della matematica, della classificazione.

Una prodotto web, sia esso il post su un social o l'articolo per un sito o un blog, arricchito di immagini attrattive e dal contenuto valido, colpiscono entrambi gli emisferi.

La parte destra quella creativa del cervello, sarà attratta dalle immagini, le memorizzerà più facilmente e l'immagine stessa sarà l'ancora a cui si rivolgerà per il cervello per richiamare alla memoria. L'emisfero sinistro gradirà l'ordine della formattazione del testo e si concentrerà su di esso.
Il contemporaneo funzionamento delle due parti del cervello realizzerà il massimo del gradimento e della memorizzazione.

E' chiaro che stiamo parlando di una cornice, perché da sole belle immagini e formattazione efficace non potranno sostituire un contenuto che non abbia utilità alcuna.

Quelli che ho menzionato nell'articolo sono solo alcuni strumenti che possono rendere più facile la vita di chi cura contenuti per il web.


 Raccontate nei commenti quelli che usate voi?









Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...